La Cantina Produttori di Valdobbiadene apre le porte ai visitatori

Val D’Oca è il nome di una bellissima collina ricoperta di vigneti di Glera, il vitigno a bacca bianca da cui nasce il Prosecco Superiore DOCG

È un triangolo fra poche case sparse e una strada che si inerpica a zig zag costeggiando un’albereta, per arrivare in cima a una delle colline tipiche delle Prealpi Trevigiane, che disegnano un paesaggio considerato Patrimonio dell’Umanità tutelato dall’UNESCO. Qui, l’opera di 600 viticoltori dà vita alla Cantina Produttori di Valdobbiadene. Nonostante il lavoro in vigna e in cantina non si sia mai fermato, le visite a questa Azienda Vinicola, che custodisce al suo interno la storia e la passione di chi, sin dal 1952, dedica la sua vita alla cura delle uve e del territorio si è dovuta interrompere per qualche mese. Sino ad oggi.

Lunedì 29 giugno, la Cantina Produttori di Valdobbiadene apre le porte ai visitatori. Il Wine Center Val d’Oca sarà  il punto di partenza di un viaggio nella storia del Prosecco. Il visitatore verrà accompagnato a seguire fedelmente il percorso delle uve. Si parte dal punto in cui, dopo la vendemmia, i 600 soci viticoltori della Cantina giungono sul piazzale con i loro trattori per conferire le uve. Una volta selezionate, le uve passano alle classiche pigiadiraspatrici, che separano gli acini dai raspi e inviano gli acini in pressatura soffice.

Si potranno vedere i luoghi e i metodi di fermentazione, decantazione e travaso. La visita prosegue lungo le linee di imbottigliamento e nel polo logistico, che include un magazzino totalmente automatizzato, vanto tecnologico della Cantina, dove le strutture si integrano totalmente con il territorio. Qui le bottiglie riposano a temperatura controllata, in un ambiente che infonde benessere, cullate da canti gregoriani diffusi a 432 Hz. Il percorso non può che concludersi con una degustazione di Prosecco DOC E DOCG, accompagnate da assaggi di prodotti gastronomici locali.

Info e prenotazioni: tel. 0423 982070 – www.valdoca.com

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *