Degustazioni virtuali: la nuova frontiera dell’enologia

La cantina Ciacci Piccolomini d’Aragona lancia il progetto di collaborazione con Microsoft e Si-Net e nasce così il Digital wine tasting

Ciacci Piccolomini d’Aragona, in collaborazione con Microsoft e Si-Net, ha dato il via al primo Digital wine tasting. In occasione della settimana del “Benvenuto Brunello 2020”, infatti, la storica cantina toscana ha fatto leva sull’innovazione tecnologica per presentare le nuove annate.

Grazie alla partnership e alla piattaforma nata dal lavoro con Microsoft e Si-Net, messaggistica e video-conferencing, chiamata Microsoft Teams, Ciacci Piccolomini d’Aragona ha ripensato i propri modelli di produttività e business per inaugurare un nuovo modo di comunicare e interagire con clienti e wine lovers di tutto il mondo. E nella giornata di ieri, 18 febbraio, dalla Microsoft house di Milano, in collegamento diretto con la tenuta di Montalcino, è andato in scena il risultato degli sforzi di questa insolita ma geniale collaborazione: la prima degustazione virtuale interattiva, grazie a cui clienti e operatori del mondo vitivinicolo hanno avuto modo di assaporare le nuove annate 2015.

La famiglia Bianchini, proprietaria della storica azienda produttrice di Brunello, ha guidato la degustazione live dalla cantina toscana mettendo in luce le caratteristiche organolettiche dei nuovi vini, che stanno già riscuotendo grande successo oltre i confini. Grazie alla tecnologia Microsoft e alla consulenza strategica di Si-Net, Montalcino e Milano non sono mai state così vicine e, dopo questa prima sperimentazione, Ciacci Piccolomini d’Aragona punta a replicare l’esperienza anche nel resto del mondo, introducendo il Digital wine tasting come nuova modalità per ingaggiare clienti attuali e prospect, abbattendo le barriere geografiche e ottimizzando tempi e costi legati alle trasferte: grazie all’utilizzo estensivo di Teams, infatti, sarà più facile raggiungere gli stakeholder in tutto il mondo e agevolare degustazioni e scambi di opinioni sui prodotti. Un’esperienza avanguardistica che dimostra il valore dell’innovazione a supporto della tradizione del Made in Italy e che rappresenta motivo di vanto per il consorzio del Brunello di Montalcino.

“In Microsoft e Si-Net abbiamo trovato i partner ideali per il nostro percorso d’innovazione e la scalabilità del cloud rappresenta un valido alleato a supporto di una crescita flessibile – ha spiegato Paolo Bianchini, comproprietario di Ciacci Piccolomini d’Aragona. – In un mercato in cui il contatto diretto tra le persone è l’elemento essenziale per la compravendita, il Cloud computing ci aiuta a essere pronti e reattivi, a gestire meglio informazioni e documenti e soprattutto a collaborare in tempo reale, sia internamente che con partner, clienti e fornitori”.

“Siamo fieri di lanciare il Digital wine tasting, – ha poi dichiarato Bianchini. – Ci auguriamo possa diventare un nuovo standard, non solo per noi, ma per l’intero comparto, affinché il gusto del Brunello di Montalcino possa imporsi sempre più in Italia e all’estero, nel rispetto di efficienza e sostenibilità”.

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *